Menu Chiudi

RADICALI LIBERI E ANTIOSSIDANTI

radicali liberi e antiossidanti

 

 

Radicali liberi e invecchiamento

I radicali liberi (RL) sono molecole con un elettrone in meno nell’orbita esterna, ciò che causa in essi elevata instabilità e che li fa reagire con ogni molecola vicina, alla ricerca dell’elettrone mancante. Queste reazioni a catena provocano la formazione di nuovi RL (poiché le molecole aggredite subiscono a loro volta una trasformazione).

Quando i RL nei tessuti superano i livelli di guardia, il risultato è: distruzione cellulare, mutazione maligna, crescita di tumori, danni agli enzimi, infiammazioni che provocano malattie degenerative croniche.

Esiste una relazione precisa tra invecchiamento e RL. Questi ultimi sono in grado di ossidare in modo casuale, qualsiasi molecola appartenente al sistema biologico e condurre ad uno stato di stress ossidativo.

Lo stress ossidativo è rappresentato da uno sbilanciamento tra produzione di Radicali liberi e le difese antiossidanti.

Fonti interne di Radicali liberi o RL sono:

  • catene mitocondriali e microsomiali
  • enzimi ossidanti
  • cellule immunitarie.

Fonti esterne di Radicali liberi o RL sono:

  • fumo di sigaretta
  • smog
  • alcuni farmaci
  • radiazioni ionizzanti
  • luce solare
  • shock termici
  • alcool
  • stress.

L’effetto degli antiossidanti contro i radicali liberi 

Le sostanze antiossidanti possono interagire, ritardare o prevenire la formazione dei RL. Gli “SCAVANGERS” (ubichinone, tioli, urati) reagiscono con i RL. I “CHAIN BREAKERS” (alfa-tocoferolo, beta-carotene, acido ascorbico) interrompono lo sviluppo della catena radicalica.

Nell’uomo sono presenti tre livelli di difesa:

  • intracellulare: attraverso sistemi enzimatici in associazione a determinate quantità di oligoelementi (selenio, rame, zinco e manganese)
  • a livello della membrana cellulare: (alfa-tocoferolo, beta-carotene, ubichinone)
  • extracellulare: (acido ascorbico, ecc).

L’alfa-tocoferolo (o vitamina E) blocca la lipoperossidazione catturando sulla membrana i RL.
Il beta-carotene assieme al tocoferolo ossidandosi si trasforma nella vitamina A (anch’essa antiossidante).
L’ubichinone (coenzima Q) inibisce la fosfolipasi cellulare responsabile della degenerazione della membrana cellulare.

Esistono inoltre, patologie che possono essere messe in relazione con un’azione diretta dei radicali liberi, e sono: vitiligineeczema atopicodermatite seborroica, malattie da infiammazioni, regolazione delle risposte immunitarie.