Menu Chiudi

Creme lenitive coadiuvanti nel trattamento delle vulviti

vulvite terapia crema lenitiva

Cos’è la vulvite

La vulvite è una particolare infiammazione della vulva che si presenta con rossore, tumefazione, bruciore ed intenso prurito nelle zone intime. Inoltre, possono verificarsi perdite vaginali e vi sono casi in cui si riscontrano vescicole, ulcerazioni e piccole fissurazioni. Una vulvite cronica può portare alla comparsa di ulcere dolorose, ispessite e biancastre. Spesso nell’infezione viene interessata anche la vagina, dando luogo a una vulvovaginite.

Questo tipo di infezione può colpire donne in qualsiasi età, ma si manifesta con più frequenza nelle ragazze che non hanno ancora raggiunto la pubertà e nelle donne anziane. In particolare, dopo la menopausa il venir meno della produzione di estrogeni causa un progressivo assottigliamento delle mucose vaginali e vulvari, cosa che può accentuare alcuni processi infiammatori.

Cause della vulvite

La zona vulvare, cioè la parte esterna dei genitali femminili, pur essendo particolarmente resistente alla maggior parte degli agenti patogeni, per la presenza di epitelio piatto stratificato e corneo nella parte esterna, può essere sede di infezioni in caso di:

  • traumi cutanei che favoriscono l’infiltrazione di herpes virus, papilloma virus, e treponema;
  • infezioni degli annessi cutanei (ghiandole e follicoli piliferi) come nel caso dello stafilococco aureo;
  • infezioni da candida albicans;
  • infezioni urinarie per via discendente da batteri gram negativi.

Tra i fattori che predispongono e scatenano questo tipo di infezioni ci sono anche le reazioni allergiche ad alcuni prodotti come bagnoschiuma e sapone ma anche tessuti e profumi. Allo stesso modo, anche l’abuso di sostanze topiche legate all’igiene intima come lavande vaginali e detergenti aggressivi aumenta il rischio di contrarre una vulvite irritativa.

Terapia della vulvite: rimedi contro l’infiammazione vulvare

La terapia delle vulviti consiste nell’eliminare la causa, effettuando un’accurata igiene della zona vulvare con lavande disinfettanti, applicando localmente pomate con azione lenitiva e lavando i capi di biancheria intima con polveri detersive ad azione antibatterica.

La vulvite può anche manifestarsi con piccole papule localizzate a livello delle grandi labbra che possono poi trasformarsi in pustole. In questo caso utile è l’impiego di acido borico oltre alla suddetta terapia.

Nella mia esperienza personale, ho sottoposto le pazienti affette da infezioni vulvari con le caratteristiche manifestazioni cutanee come rossore e prurito, a trattamento con Crema Lenitiva Skinhelper ®, procedendo con 2 applicazioni al giorno della crema per circa 20 giorni.

Il trattamento è stato associato ad accurata igiene della zona intima, con lavande disinfettanti, e consigliando di trattare i capi di biancheria intima con  detergenti igienizzanti per tessuti quale Nevoxil ®,  raggiungendo ottimi risultati di guarigione.

Si può concludere affermando che le infiammazioni dell’apparato genitale femminile esterno, rappresentano una patologia molto frequente che colpisce le donne a qualsiasi età e si consiglia sempre di consultare un medico.

DOTT. Vincenzo Minardi
Specialista urologo

Lascia un commento